Come essiccare piante aromatiche con il riuso creativo.

Una piccola idea per essiccare piante aromatiche, soprattutto quelle, come l’alloro, povere di acqua! Richiede poco spazio e poca fatica.

Normalmente le erbe aromatiche vanno essiccate su vassoi di cartoncino, di recupero, nella penombra e in un luogo asciutto. Questa attività richiede molto spazio e notevole pazienza. Potete invece giusto lasciarle appassire in questa maniera, per poi inserirle in vasi di vetro (riutilizzabili all’infinito… a meno che non volino per terra), ricoperti da una retina di quelle di plastica che contengono frutta e verdura nei supermercati (se non ne avete, perché andate sempre al mercato, sicuramente qualche amico e parente ve le regalerà volentieri). Tenete la retina ferma con un elastico ricavato da un guanto bucato in gomma, di quelli da piatti, e lasciatelo in un luogo fresco e asciutto. Controllate solo che non prendano la muffa, visto che stanno in uno spazio molto più ristretto dei vassoi e che quindi l’umidità potrebbe ristagnare. Una volta ben secche, potete anche chiudere il tappo del vaso e conservarle così. Per precauzione potete prima metterle una notte in congelatore, tirarle poi fuori, lasciarle tornare a temperatura ambiente e poi serrare il coperchio.

2 COMMENTI

  1. Ma che idea interessante e semplice! Di solito faccio essicare le erbe in delle ciottole sopra il termosifone, ma ovviamente non si può fare tutto l’anno e non ho molto spazio in casa. Devo assolutamente provare questa tecnica! 🙂 Lisa

Scrivi una risposta