Come trasformare un'arancia in una lampada ad olio, in poco tempo e massima soddisfazione.

Scambiare saperi è una delle cose che mi riempie più di gioia. Questa lampada ad olio fai da te vegetale me l’ha insegnata un ragazzo germanico, ospitato grazie al Couchsurfing. Non avrei mai pensato che una simile cosa fosse possibile, né che potesse davvero funzionare. Provare per credere!

Il taglio dell'arancia.

Prendete un’arancia, di una varietà con la buccia un po’ più spessa (non chiedete ad una bolzanina quale!). Effettuate un taglio della buccia a metà, orizzontale, equidistante dalle due estremità, lungo tutto il perimetro più largo dell’arancia. Non tagliate la polpa, sennò l’operazione diventa più difficile.

La lampada dall'arancia pronta per essere usata.

Individuate il lato dell’arancia che era appeso all’albero: ci serve quella metà. Passate poi delicatamente un dito tra la buccia e la polpa, con molta cura (qui il bordo per un attimo mi è sfuggito di mano e si è leggermente rovinato). Dovete riuscire a separare le due parti, senza rompere la buccia. La cosa più importante è non spezzare quello che diventerà lo stoppino della lampada: quando arrivate all’estremità dell’arancia strappate gli ultimi fili bianchi che la legano alla buccia e poi tirate lentamente la polpa verso l’esterno. Se tutto va per il verso giusto, avrete ottenuto la vostra lampada a olio!

La lampada con l'olio.

Versate dell’olio (d’oliva va anche bene) sopra lo stoppino e riempite a circa metà la buccia. Man mano che brucia potrete poi rabboccare con altro olio. Lo stoppino d’arancia deve essere bello impregnato di olio.

La lampada fatta dall'arancia e il suo coperchio.

Se volete, potete creare dall’altra metà della buccia un coperchio bucato come nella foto, per proteggere meglio la lampada dal vento.

E ora siete pronti per accenderla! Dovrebbe durare alcune ore. Ovviamente la polpa non buttatela, mangiatevela così oppure mettetela in insalate, o ancora centrifugatela… Buona luce!

2 COMMENTI

  1. grazie,non vedo l’ora che cominci il periodo degli agrumi per farne una…probabilmente le “brasiliane” saranno le più indicate.Saluti.

Scrivi una risposta