Come creare rapidamente una pasta (leggermente) abrasiva, da usare soprattutto per i sanitari.

Un detersivo che nella mia scatola dei detersivi non può più mancare, da quando una compagna di GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) me lo ha insegnato, è una pasta leggermente abrasiva, molto simile ad un famosissimo prodotto per la pulizia di cui non faremo nomi… ma inizia per C e finisce per IF… fondamentale per fare risplendere in un attimo i sanitari. Senza -o quasi- inquinare.

È una ricetta liberamente ispirata (e liberamente rielaborata) a quella del libro “Casa pulita naturalmente” di Karyn Siegel-Maier (edizioni Il Punto d’Incontro).

Ingredienti:

  • 250 g di bicarbonato di sodio
  • 70 g di sapone liquido tipo Marsiglia (se non è autoprodotto, l’importante è che sia eco-bio, non quindi i sedicenti saponi di Marsiglia)
  • 20 gocce di olio essenziale antibatterico come il Tea Tree (Melaleuca alternifolia)
  • acqua q.b.

Mescolare con un frustino il bicarbonato assieme al sapone liquido tipo Marsiglia. Aggiungere poi acqua quanto basta, per ottenere una consistenza cremosa. Aggiungete l’olio essenziale. Finito. Rapidissimo. La cosa più brigosa può essere il travaso nel contenitore. L’ideale sono quei flaconi di recupero in plastica con un imboccatura larga e un buco allargabile (ad almeno 4 mm di diametro). Li trovate tra i cibi (tipo maionese o ketchup) e tra i cosmetici da risciacquo.

La pasta (leggermente) abrasiva per sanitari nel suo contenitore di recupero.

Scuotete bene prima di ogni uso. Col tempo il prodotto tenderà ad impaccarsi, a causa del bicarbonato. Sbattete il contenitore contro una parete infrangibile e vedrete che poi si riprende. Nei casi più disperati, potete aggiungere ulteriore acqua. Non l’ho mai visto andare a male anche dopo mesi dall’apertura. Lo versate sulla vostra spugna di luffa e lo passate sui sanitari. Va ovviamente sciacquato.

Il bicarbonato ha un’azione leggermente abrasiva sui sanitari, attenzione quindi se avete dei lavandini in avorio placcato oro, perché potrebbe rovinarvelo. I normalissimi sanitari bianchi invece splendono dopo una sola passata, con tanto di cappello al Mastro muscoloso. Il sapone tipo Marsiglia ha un’azione detergente, mentre il Tea Tree ha un’azione antibatterica. Per avere però una perfetta igiene, è consigliabile alternare a questo prodotto, dal pH basico, uno spruzzino a base di aceto o acido citrico (a pH acido).

Questa pasta (leggermente) abrasiva è ottima anche per disincrostare le pentole in acciaio INOX. Attenzione però ai possibili graffi.

Questa ricetta la trovate anche nel mio libro “Pulizie creative“, Altreconomia Edizioni (seconda edizione 2013).

7 COMMENTI

  1. Grazie mille della ricetta!
    Da un po’ di anni sperimento detersivi autoprodotti con buoni risultati ma non ho ancora trovato niente di soddisfacente per lavare i piatti.. Hai qualche consiglio da darmi? Voi cosa usate tutti i giorni?
    Grazie! Sara

  2. Ciao Sara, intendi piatti a mano? Personalmente uso una tecnica non particolarmente comoda, ma efficace: sapone liquido tipo marsiglia, da sapone tipo marsiglia autoprodotto e citrato di sodio. Scaldi l’acqua, metti 1 parte di citrato di sodio e 4 parti di sapone liquido e poi intingi la spugna nell’intruglio e così ci lavi i piatti a mano… prima o poi ci faremo un tutorial, ma ancora non sono abbastanza soddisfatta…

  3. Intendevo proprio per i piatti a mano.. Anch’io ho provato con sapone tipo marsiglia autoprodotto (direttamente dalla saponetta con una spugna umida) ma poi i piatti sapevano un po’ da “bucato” (anche se il sapone era senza profumo) e mio marito non gradiva! Scusa l’ignoranza.. il citrato di sodio è l’acido citrico in forma solida o altro? Semmai dove lo trovi? Grazie ancora!

    • Se riduci in scaglie una saponetta autoprodotta (200 g per litro d’acqua), porti ad ebollizione e lasci raffreddare ottieni il tuo detersivo piatti marsiglia. Poi a parte fai il citrato di sodio… che non va confuso con l’acido citrico, ma quest’ultimo c’entra comunque con la reazione. Conto scriverò presto un pezzo sull’argomento, ma nel frattempo ti lascio la ricetta:
      – 800 g d’acqua distillata o osmotica
      – 200 g acido citrico anidro puro
      – 260 g bicarbonato di sodio
      Sciogli l’acido citrico nell’acqua e poi pian piano, aggiungi un cucchiaio per volta di bicarbonato. Lo riaggiungi ogni volta che ha finito completamente di ribollire!
      Il resto è come ti ho già detto. È un po’ brigoso, spero di trovare presto una soluzione più soddisfacente! In ogni caso funziona piuttosto bene! Scrivici pure per altri dubbi o per farci sapere come è andata!

  4. Ti avevo scritto per consigli sul detersivo per i piatti(e ho preso il tuo libro) e devo dire che sono soddisfatta dei risultati, grazie! Ora chiedo un altro consiglio, magari un po’ fuori tema.. La prossima settimana partirò con la famiglia per un’esperienza di volontariato di 3 mesi in una favela in Brasile,;ovviamente ci sarà un sacco da lavare (niente lavatrice nè acqua calda ma 2 bimbe piccole e pannolini lavabili) Se possibile vorrei mantenere le buone abitudini e farmi i detersivi, ma non è pensabile usare dell’olio vergine per fare il sapone (l’olio è un genere un po’ di lusso). Avete qualche ricetta con l’olio usato? O altre idee sia per il bucato che per i piatti?
    Grazie mille!
    Sara

  5. Ciao Sara! Se vuoi usare l’olio esausto, devi considerare che rimarrà sicuramente l’odore dell’olio di partenza. Devi filtrarlo bene ed essere sicura del tipo di olio che stai riutilizzando. Deve essere 100% olio di un tipo, altrimenti non puoi calcolare la soda caustica necessaria per farti il sapone. Lo puoi poi condiserare come un qualunque altro olio da saponificazione. Per il bucato non ho nessun’altra idea. Serve sempre una sostanza lavante (sapone o tensioattivo) più additivi per farlo funzionare al meglio. Per i piatti puoi anche provare con una pasta a base di bicarbonato (leggermente abrasivo e assorbe l’unto), anche questa qui va bene. Puoi ulteriormente semplificarla togliendo il sapone di marsiglia, qualora avessi difficoltà a trovarlo. Buona esperienza!

Scrivi una risposta