Elisa Nicoli, assieme a Chiara Spadaro, ha pubblicato nel 2019 un libro su come fare a meno della plastica e cominciare a vivere una vita zero waste: Plastica Addio, Altreconomia edizioni.

La plastica è un potente simbolo della modernità ma anche delle sue contraddizioni. Le tonnellate di rifiuti che infestano gli oceani e le microplastiche che minacciano la nostra salute non sono che il riflesso di un’economia fondata sulla “crescita” illimitata.

Una vita senza plastica? Si può fare! Questo libro spiega perché fermare la plastica è un imperativo categorico e come sia possibile farne a meno. Il messaggio è forte e chiaro, per invertire la tendenza c’è un solo modo: smettere di usare plastica, soprattutto quella usa-e-getta, e di produrla. Tutti però devono fare la loro parte: istutuzioni, imprese, ricercatori e comuni cittadini.

Nei nostri mari finiscono ogni anno 8 milioni di tonnellate di rifiuti plastici. Da quando esistono i materiali plastici meno del 10% è stato riciclato e in natura sono dispersi 6,3 miliardi di tonnellate di plastica. La plastica costituisce il terzo materiale umano più diffuso sulla Terra dopo l’acciaio e il cemento. I sacchetti di plastica sono il prodotto di consumo più diffuso al mondo. Chiara Spadaro si è occupata di tutti questi dati e nella prima parte del libro ha spiegato il problema ed evidenziato le possibili soluzioni da parte di istituzioni e imprese.

L’unica vera soluzione – in attesa di un’economia “circolare” – è produrre meno plastica o non produrne affatto. Nel nostro piccolo tutti noi possiamo passare all’azione e liberarci dall’ingombrante plastica quotidiana. Nella seconda parte del libro Elisa Nicoli fornisce moltissimi consigli pratici per iniziare una vita zero waste: dalla spesa alla cura della casa, dalla cosmesi agli abiti, dall’ufficio ai viaggi.

Per iniziare, mettiamo al bando la plastica monouso e sostituiamo i “plasticoni” con oggetti belli e duraturi. Saremo più sani, più consapevoli e più felici.

Copertina del libro Plastica Addio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui